NEWS
16/07/2012
SAN BERNARDINO DA SIENA

20 Maggio, patrono di Morcone
La sera della vigilia c’è l’usanza di accendere un grande falò, “ ro pagliaro”, segno di gioia e invito a bruciare simbolicamente i tanti vizi che ci sono nel mondo. Si dice che in una delle tante missioni S. Bernardino, percorrendo l’antico tratturo Pescasseroli – Candela, fu attratto da questo paese e, attraversando monti, fiumi e torrenti, raggiunse il centro abitato. Arrivato in cima cominciò a predicare contro il lusso e l’usura, il gioco d’azzardo, la truffa e le bestemmie. Turbati da quelle accuse, i Morconesi si precipitarono a gettare nel fuoco tutti gli oggetti di lusso. L’Istituto Comprensivo “E.De Filippo”, per promuovere conoscenza e sensibilità organizza per il 19 maggio una manifestazione denominata “Antique Assisie”, una pagina di storia da far conoscere e tramandare. Le Antique Assisie erano leggi comunali scritte intorno al 1269. Nel 1381 rischiavano di andare perdute perché deteriorate dai vermi: pertanto si rese necessario farne non semplicemente una copia conforme all’ originale e attestata davanti al notaio, bensì un duplicato autorizzato da chi ne aveva il potere, al tempo Margherita di Durazzo. La manifestazione inizia con la storia di Morcone e della casata Angiò – Durazzo, poi attraversando piazze e piazzette ricostruisce i principali avvenimenti della circostanza e dell’epoca: “La richiesta degli eletti a Margherita”, “ La guerra per la successione al regno di Napoli tra Angioini e Durazzeschi”. La cerimonia termina con la “confirmatio” della regina e con l’accensione del falò.